MingaBall

Young Boys - Neuchatel Xamax


Italia
Spagna
Germania
Inghilterra
Argentina
Austria
Finlandia
Brasile
Francia
Grecia
Portogallo
Romania
Russia
Scozia
Svezia
Norvegia
Olanda
Belgio
Svizzera
Danimarca
Ucraina
Irlanda del nord
Stati uniti
Irlanda
Mexico
Malta
Singapore
Europa
America
Oceania
Africa
Asia
International
2 trasferte e 2 vittorie, questo il bilancio dello Xamax. Certo, in campi come Lucerna e Bellinzona che, sulla carta, dovrebbero essere meno proibitivi dello Stade de Suisse dove saranno ospitati da uno Young Boys in cerca di riscatto.

Lo Young Boys sembrava partito bene, almeno così aveva fatto pensare la prima parte di gara con il Basilea al debutto stagionale. Una gara dominata, ma il vantaggio di un solo gol non ha messo al sicuro i bernesi dal fortunoso ritorno dei campioni in carica che allo scadere si sono portati a casa i 3 punti. Da quel momento in poi la squadra si è un pò persa, un solo punto (in casa) e due sconfitte senza molto da recriminare; la sconfitta contro lo Zurigo infatti è arrivata 'solo' per 2-1 ma sul campo la differenza è stata netta.

Erminio Piserchia, allenatore ad interim, oggi dovrà fare sempre a meno di Doubai, Liechti e Schwegler e probabilmente anche di Raimondi ma potrebbe recuperare Yapi.

Nestor Clausen ha visto invece progredire il suo Xamax dopo la 'stecca' casalinga contro lo Zurigo. In particolare, notevoli progressi si sono visti contro l'Aarau che è riuscito a salvare lo 0-0 con molta fortuna. Aver impegnato a fondo una squadra così in forma fa ben sperare per il futuro. Oggi, a parte Quennoz e Coly che stanno migliorando ma non sono ancora pronti, il tecnico argentino avrà tutta la rosa a disposizione (ma Ferro non dovrebbe essere convocato dato che il giovane portiere Faivre offre buone garanzie). In attacco potrebbe riverdersi ancora quel Ideye Brown sul quale si punta molto. Il giovane nigeriano (classe 88) ha ben impressionato e potrebbe conquistarsi un posto da titolare.
Argomenti Correlati: young boys - neuchatel xamax - super league
scritto il 10-08-2008 da lario pagello