MingaBall

Il Blackburn di Ince testa l'Hoffenheim


Italia
Spagna
Germania
Inghilterra
Argentina
Austria
Finlandia
Brasile
Francia
Grecia
Portogallo
Romania
Russia
Scozia
Svezia
Norvegia
Olanda
Belgio
Svizzera
Danimarca
Ucraina
Irlanda del nord
Stati uniti
Irlanda
Mexico
Malta
Singapore
Europa
America
Oceania
Africa
Asia
International

Il piccolo paesino di Hoffenheim é la novitá della 1. Bundesliga tedesca 2008/09 grazie alla storica promozione dello scorso maggio che ha coronato il progetto del proprietario della squadra Dietmar Hopp.
Il fondatore della SAP (azienda leader nel settore dei software) prese in mano la societá del suo piccolo paese del Baden-Württemberg, dove aveva giocato da ragazzo, 15 anni fa circa, quando la squadra militava in Kreisliga A (ottava serie tedesca) e nel giro di pochi anni quello che doveva inizialmente essere solo un passatempo, con una serie di investimenti sempre piú corposi, é diventato un grande progetto capace di portare il piccolo centro del sud della Germania fino alla massima serie.
Per il debutto in 1. Bundesliga per ora sono stati confermati quasi tutti i protagonisti del favoloso girone di ritorno dello scorso campionato di 2. Bundesliga che hanno regalato la promozione nella massima serie concludendo il campionato al secondo posto alle spalle del Borussia Mönchengladbach.
Alla guida della squadra é stato confermato il 50enne Ralf Rangnick che ha preso la squadra in Regionalliga-Süd nel 2006 e con due secondi posti consecutivi l'ha portata in 2 anni in 1. Bundesliga.
Sul mercato innanzitutto la societá si é mossa per confermare i giocatori in prestito come il 24enne portiere austriaco (terzo portiere dell'Austria ad Euro2008) Ramazan Özcan, protagonista del girone di ritorno dello scorso anno (19 presenze tra 2. Bundesliga e DFB-Pokal), che é stato riscattato dal Red Bull Salisburgo per 1 milione di euro, cosí come il 20enne difensore del Ghana Isaac Vorsah (anche lui 19/1 tra 2. Bundesliga e DFB-Pokal da febbraio 2008), riscattato per la stessa cifra dal Kumasi Asante Kotoko, e il 20enne difensore brasiliano Luiz Gustavo (Luiz Gustavo Dias), anche lui protagonista con 30 presenze nella scorsa stagione e riscattato per un milione di euro dal Corinthians.
Promosso dal settore giovanile l'esterno destro di centrocampo, nazionale Under 18, Jonas Strifler (19/6 in A-Jgd BL Süd/Südwest con l'Hoffenheim U19), mentre l'unico vero acquisto sinora perfezionato é il terzino destro dell'Under 21 tedesca Andreas Beck (25/1 tra coppe e Bundesliga nella scorsa stagione), acquistato per 3,2 milioni di euro dallo Stoccarda.
Nessuna partenza significativa sinora visto che i giocatori che non fanno piú parte della rosa dell'Hoffenheim sono tutti giocatori di secondo piano e per la precisione: Denis Bindnagel (SV Sandhausen), Michael Rundio, Steffen Haas (Kickers Offenbach, in prestito), Kai Herdling (Waldhof Mannheim), Radek Spilacek (FSV Frankfurt) e Tomislav Maric (fine carriera).

La squadra ha iniziato a lavorare da due settimane circa e il debutto stagionale dell'Hoffenheim 2008/09 é stato il 9 luglio contro i dilettanti dell'FV Union 08 Böckingen. Il match vinto per 9-0 (reti di Ibisevic (2), Hesse (3), Weis (2), Eduardo e Salihovic) dall'Hoffenheim ha visto la squadra cosí schierarsi:
TSG 1899 Hoffenheim 1. tempo: Haas - Löw, Sulu, Nilsson, Ibertsberger - Jaissle, Teber, Salihovic, Eduardo (33. Milic) - Ba, Ibisevic
TSG 1899 Hoffenheim 2. tempo: Bernhardt - Beck, Compper, Janker, Seitz - Strifler, Gustavo, Weis, Paljic, Hesse - Milic

Il 13 luglio c'é stato il secondo test contro il Waldhof Mannheim (Regionalliga) finito senza reti.
Mentre il 18 luglio allo Stadion an der Jesinger Allee di Kirchheim/Teck l'Hoffenheim ha battuto per 6-1 la locale compagine del VfL Kirchheim/Tech (Oberliga) davanti a 2.500 spettatori con reti di Copado (2), Ba, Eduardo, Salihovic e Weis. Questa la formazione schierata nell'occasione da Ralf Rangnick:
TSG 1899 Hoffenheim 1. tempo: Kirschbaum - Löw, Janker, Jaissle, Beck - Salihovic, Vorsah, Teber, Copado - Hesse, Ibisevic
TSG 1899 Hoffenheim 2. tempo: Özcan - Broghammer, Nilsson, Compper, Seitz - Paljic, Gustavo, Weis, Eduardo - Ba, Obasi

Dal 19 luglio l'Hoffenheim é in ritiro a Leogang, nel salisburghese, e il match di oggi contro gli inglesi del Blackburn Rovers, che sará dunque il quarto test stagionale, sará disputato a Kufstein, in Tirolo.


Lo storico club inglese del Blackburn Rovers sará dunque l'avversario odierno dell'Hoffenheim a Kufstein.
Paul Ince, dopo aver guidato alla vittoria della League Two il Milton Keynes Dons nella scorsa stagione, ha preso il posto di Mark Hughes come manager dei Rovers lo scorso 22 giugno.
Oltre all'ingaggio come coach dell'esperto Archie Knox (ex assistente di Alex Ferguson negli anni d'oro dell'Aberdeen), e di Nigel Winterburn (per 13 anni terzino sinistro dell'Arsenal) come defensive coach, Ince sta ancora lavorando sul mercato per rinforzare la squadra che nella passata stagione ha concluso la Premier League al settimo posto, ma ha dichiarato di non avere alcuna fretta di firmare nuovi acquisti e di riporre molta fiducia nella sua attuale "multinazionale" (la rosa della prima squadra conta giocatori di 20 nazionalitá diverse).
La squadra si é ritrovata l'8 luglio e il 14 luglio é scesa in campo per la prima amichevole stagionale al Moss Rose di Macclesfield per affrontare la locale squadra di League Two del Macclesfield Town. Il match é terminato con una vittoria per 2-1 dei Rovers con reti di David Dunn e Paul Gallagher. Questa la squadra scesa in campo:
Blackburn Rovers FC 1. tempo: Friedel - Reid, Samba, Nelsen, Warnock - Derbyshire, Dunn, Vogel, Pedersen - Roberts, McCarthy
Blackburn Rovers FC 2. tempo: Brown - Kane, Winnard, Khizanishvili, Olsson - Doran (69. Clarke), Judge, Hodge, Treacy - Gallagher, Rigters

Il Blackburn é poi partito per il ritiro in Baviera con l'aggiunta dell'attaccante paraguayano Roque Santa Cruz mentre nello scorso weekend si sono aggregati anche il centrocampista turco Tugay Kerimoğlu, il difensore sudafricano Aaron Mokoena, il centrocampista australiano Brett Emerton e il difensore olandese André Ooijer.

scritto il 21-07-2008 da stiegl