MingaBall

Bellinzona 18 anni dopo


Italia
Spagna
Germania
Inghilterra
Argentina
Austria
Finlandia
Brasile
Francia
Grecia
Portogallo
Romania
Russia
Scozia
Svezia
Norvegia
Olanda
Belgio
Svizzera
Danimarca
Ucraina
Irlanda del nord
Stati uniti
Irlanda
Mexico
Malta
Singapore
Europa
America
Oceania
Africa
Asia
International
Battuto in casa dallo Zurigo nonostante un buon secondo tempo, lo Xamax di Nestor Clausen si appresta a partecipare alla festa del ritorno in Super League del Bellinzona dopo 18 anni.

Per cercare di rovinare la festa granata il tecnico argentino recupera Richmond Rach che ha scontato il turno di squalifica ma dovrà fare ancora una volta a meno di  Coly, Ferro, Quennoz e Wüthrich tutti infortunati. Difficile inoltre che arrivi in tempo la qualificazione di Sulimani mentre è possibile che Furios possa giocare ed infatti viaggerà con la squadra.

In casa granata c'è molta attesa per questo debutto. Il piccolo stadio Comunale sarà sicuramente gremito per uno storico ritorno ai masismi livelli dopo un'ancora più storica 'prima' in Coppa Uefa coronata da una vittoria in trasferta.

Proprio la prestazione contro i modestissimi armeni dell'Ararat, e le poco convincenti prestazioni in amichevole (vedi la sconcertante sconfitta contro il Lugano), lasciano qualche dubbio sull'effettiva consistenza di questo gruppo che nonostante gli importanti innesti degli esperti Lustrinelli e Sermeter, e di una giovane promessa come Roux, ha registrato anche la perdita di elementi importanti come Pouga, Lulic e Taljevic (che oggi sarà il grande ex!).

Marco Schällibaum per ora non sembra aver inciso molto e non sono pochi quelli che rimpiangono il tenico della storica promozione Petkovic. Oggi però sarà una grande festa e i granata giocheranno con il cuore sperando di trovare un Neuchatel non ancora del tutto assestato e contando sul fattore campo che lo scorso anno è stato determinante. Pochi i problemi di formazione, i dubbi sono legati soprattutto alle autorizzazioni per due dei nuovi, Bernardet e Siqueira-Barras, che sono ancora in attesa.
scritto il 23-07-2008 da lario pagello