MingaBall

Al Azzani la speranza dell'Oman


Italia
Spagna
Germania
Inghilterra
Argentina
Austria
Finlandia
Brasile
Francia
Grecia
Portogallo
Romania
Russia
Scozia
Svezia
Norvegia
Olanda
Belgio
Svizzera
Danimarca
Ucraina
Irlanda del nord
Stati uniti
Irlanda
Mexico
Malta
Singapore
Europa
America
Oceania
Africa
Asia
International
Dopo aver condotto l'Al Nahda in AFC Cup dove nessuna squadra omanita era mai arrivata Al Azzani è chiamato ad un impegno molto difficile: rivitalizzare la nazionale battendo il Giappone in quella che sembra quasi un'ultima spiaggia. 

Le novità per quanto riguarda la formazione, che in Giappone è stata nettamente dominata, si registrano nel ritorno dalla squalifica di Khalifa Ayil, Talal Khalfan e Ahmed Mubarak  ma sia l'attacante Imad Al Hosni che il difensore Hassan Madhafar sono stati fermati per un turno. In dubbio l'attaccante Mohamad Rabia.

Al Azzani ha richiamato Bader Al Maimani e Said Al Shon esclusi dalla precedente convocazione.



Problemi in difesa invece per il Giappone: Yuto Nagatomo è in forte dubbio per un infortunio mentre sembra certa l'assenza del centrale Yuki Abe. Marcus Tulio Tanaka soffre di noie muscolari e non è al meglio.


Queste le formazioni schierate a Yokohama:

Giappone: Narazaki, Nagatomo (Konno 83), Tanaka, Nakazawa, Komano, Endo, Hasebe, Matsui, S. Nakamura, Okubo (Kagawa 72), Tamada (Maki 79)


Oman: Al Habsi, Ashoor, Madhafar, Eid, Al Ajmi, Fayal, Hadid, Doorbeen, Al Mushaikhi (Khamis 55), Mubarak (Rabia 75), Al Hosni

Argomenti Correlati: oman - giappone - al azzani
scritto il 7-06-2008 da lario pagello